7 vantaggi delle stufe a pellet

7 vantaggi delle stufe a pellet

Esistono 7 vantaggi delle stufe a pellet capaci di spazzare via ogni possibile indecisione sulla scelta del metodo di riscaldamento per la propria abitazione o per il proprio posto di lavoro. I principali benefici offerti riguardano il risparmio economico per ciascuna famiglia e soprattutto la possibilità di immettere nell’aria minor inquinanti.

Per sintetizzare il pellet è più economico e più ecologico di altri metodi utilizzati per rendere caldi e confortevoli i vari ambienti. In realtà basterebbe questo e la possibilità di ricevere incentivi statali o benefici durante la dichiarazione dei redditi per far scomparire ogni possibile titubanza. Nonostante ciò, meglio analizzare i 7 vantaggi delle stufe a pellet e cercare di capire meglio come mai questo sistema di riscaldamento sia da preferire.

Tutti i vantaggi delle stufe a pellet: ecco perché scegliere questo metodo di riscaldamento

Quali sono i 7 vantaggi delle stufe a pellet? Dal materiale utilizzato al calore emanato, dal risparmio economico all’ecologia passando attraverso il design, proprio perché anche l’occhio vuole la sua parte. Vediamoli insieme:

  1. Il pellet è uno dei materiali più economici presenti sul mercato. Come se non bastasse contiene una bassissima percentuale di umidità. Ciò significa che a parità di peso brucia per più tempo rispetto alla comune legna da ardere e riesce a produrre più calore ottimizzando così i consumi. Oltre a questo non ha bisogno di essere quindi lasciato essiccare al sole, non ha bisogno di grandi spazi dove essere conservato. Il pellet viene venduto, infatti, in sacchi da 15 kg sigillati. Questi permettono una maggiore pulizia in casa rispetto alla legna, ma anche la possibilità di conservare il combustibile in spazi più ristretti. Insomma il pellet è più facile da gestire e lo stoccaggio non comporta gli stessi problemi rilevati con la legna.
  2. La combustione del pellet produce meno cenere e polveri ed inquina molto meno degli altri metodi di riscaldamento. Proprio per questo motivo le stufe a pellet sono considerate le più ecologiche.
  3. Producendo meno cenere e polveri, una stufa a pellet risulta più facile da pulire. Ciò significa oltretutto che anche la sua manutenzione è maggiormente facilitata.
  4. Le stufe a pellet consentono di programmare le fasi di accensione e spegnimento, ma anche di regolare la temperatura e la ventilazione. Poter tornare a casa dopo una lunga giornata di lavoro e trovare la propria casa già calda fa sicuramente comodo a tutti.
  5. Le stufe a pellet riscaldano immediatamente l’ambiente donando sin da subito una sensazione maggiore di calore rispetto ai normali termosifoni.
  6. Ogni stufa a pellet diviene un vero e proprio elemento d’arredo il cui design è in continua evoluzione per andare incontro a ogni tipo di esigenza. Oggigiorno le varie stufe sono in grado di integrarsi perfettamente in qualsiasi ambiente e di andare a creare un match perfetto con qualsiasi tipo di arredamento.
  7. Possibilità di detrazioni fiscali previste dall’ecobonus. L’acquisto e l’installazione di un impianto con questa tecnologia permette di recuperare la metà delle spese in dieci anni.

Visita le nostre >>Stufe a Pellet

Pellet e salvaguardia dell’ambiente: un occhio importante all’ecologia

Rispettare l’ambiente che ci circonda e renderlo sempre più vivibile, avendo un occhio di riguardo per le generazioni future, è sicuramente molto importante. Ecco perché a lasciar propendere per la scelta di una stufa a pellet dovrebbe essere la capacità di quest’ultima di inquinare molto meno rispetto ad altri tipi di riscaldamento.

Recenti studi hanno evidenziato come le emissioni di CO2 delle stufe a pellet siano pari a quelle presenti in natura stessa. In che senso? Ebbene è vero che il pellet prevede un’emissione di CO2 nell’aria. Sarebbe impossibile il contrario. Si calcola che la quantità di tale emissione sia la stessa della quantità prevista dalla natura per la decomposizione del legno.

Oltre a questo, sempre in merito alla salvaguardia dell’ambiente è bene infine chiarire che il pellet è un combustibile naturale ottenuto dal legno di scarto e dalle lavorazioni. Per ottenerlo non si diboscano intere foreste così come si fa per colmare il fabbisogno di legna da ardere. Sono infatti gli alberi e soprattutto le foreste a garantire l’ossigeno di cui abbiamo bisogno. Sarebbe dunque meglio evitare che ogni piccolo polmone verde rischi di scomparire per questioni legate alla necessità di rendere più caldi e confortevoli gli ambienti dove si vive.

Leggi anche >>Stufe a pellet vs stufe a legna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*